“Il mio gatto mangerà i miei bulbi oculari?”. Caitlin Doughty torna in libreria. Per ora solo in inglese :(.

Hype! Hype! Hype! Oggi voglio segnalarvi una nuova pubblicazione davvero intrigante, che spero arriverà presto in Italia. Per me è doppiamente interessante perché ho già letto e apprezzato il primo libro di Caitlin Doughty, Fumo negli occhi e altre avventure dal crematorio, tradotto e pubblicato nel nostro Paese da Carbonio Editore.

Will My Cat Eat My Eyeballs? (Il mio gatto mangerà i miei bulbi oculari?) è un libro che raccoglie le domande più strane e grottescamente divertenti che i bambini hanno fatto negli anni all’autrice che, per chi non lo sapesse, lavora come impresario funebre e ha un celebre canale YouTube in cui parla del suo lavoro (Ask a Mortician). Pubblicato lo scorso 19 settembre da W&N, Will My Cat Eat My Eyeballs? raccoglie 35 domande e ovviamente le risposte della dark star ai dubbi dei bambini, talvolta molto meno spaventati dei loro genitori e degli adulti in generale dal naturale processo di vita e di morte che fa parte di ogni organismo vivente.

Anche qui Caitlin Doughty, come in ogni suo libro, cerca di rompere certi tabù sulla morte. Insieme al sesso infatti, secondo l’autrice, la morte è uno di quegli argomenti che raramente vengono trattati con gli adolescenti: gli adulti rispondono alle domande sulla morte poste dai bambini in maniera vaga, e questo fa crescere degli adulti che non hanno avuto l’educazione alla morte di cui invece avrebbero avuto bisogno, che si troveranno completamente impreparati ad affrontarla quando si trovano nelle condizioni, inesorabili, di affrontare la morte di una persona cara.

I bambini, come per ogni argomento, pongono le loro domande in maniera innocente e senza alcuna vergogna. Intervistata dal magazine The Guardian, l’autrice parla a cuore aperto agli adulti terrorizzati dall’affrontare certi argomenti con i loro piccoli: “Forse sei terrorizzato dal fatto che qualcosa che dici possa scatenare nei bambini una profonda paura della morte. Dillo onestamente, dì loro Se qualcosa ti infastidisce o vuoi continuare a parlare, sono sempre felice di parlarti di questo.

Caitlin vorrebbe che sempre più adulti dessero informazioni ai bambini quando fanno le loro imbarazzanti domande, così che quando inevitabilmente incontreranno la morte, “Sono già abituati a parlarne, abituati alle parti più divertenti, interessanti e curiose. A vedere la morte sì pesante, ma anche fonte di grande curiosità”.

Insomma, la sua è una missione informativa, che se a molti può sembrare morbosa e bizzarra, ad altri lettori invece consente di liberarsi da sensi di colpa e domande che si è sempre pensato fosse meglio tenere solo per sé. Quindi a chiunque abbia intenzione di rompere certi tabù, consiglio i libri di Caitlin per cominciare a farlo. Nelle sue parole c’è sempre una profonda conoscenza della morte, il rispetto per chi non c’è più ma anche certi aneddotti divertenti, che però non sconfinano mai nel cattivo gusto.

Per questo non vedo l’ora che Will My Cat Eat My Eyeballs? venga pubblicato anche in Italia. Se poi siete abbastanza ferrati, potete iniziare a comprare il volume in lingua inglese.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *